16.3 - Se taluno, in previsione della propria futura mancanza di autonomia, indica la persona che desidererebbe avere come amministratore di sostegno, il giudice deve rispettare tale designazione?

Tendenzialmente e per quanto possibile il giudice deve assecondare la volontà espressa dall' interessato.

E ciò vale sia per il caso di designazione anticipata, così come espressamente contemplato dall'art. 408 co. I c.c., sia nel caso in cui l'amministrando esprima una propria preferenza in sede di ascolto da parte del Giudice,

Può però accadere che la persona designata (magari mesi o anni prima) non sia più in vita o non sia in condizioni di assumere le funzioni di Ads. È evidente, in tal caso, che il Giudice non potrà rispettare la volontà precedentemente espressa dall'interessato.

Tale impossibilità potrebbe verificarsi anche per motivi diversi: così, per esempio, perchè nel tempo intercorso dopo la designazione, sono emersi contrasti o dissapori tra il beneficiando e il soggetto da questi designato.

Va ricordato che la designazione può essere fatta - sempre secondo la previsione dell'art. 408 co. I c.c. - mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata.


Cosa cambieresti o aggiungeresti rispetto alle indicazioni di cui sopra?

Iscriviti e collabora a Persona & Danno

Farmacie Comunali Riunite Reggio Emilia

Box Convegni

Panel content